Visit Us On FacebookVisit Us On TwitterVisit Us On LinkedinVisit Us On Instagram

L’esperienza social è sempre più intima

Che i social in genere – e Facebook in particolare – stiano vivendo un periodo di grandi cambiamenti è sotto gli occhi di tutti, così come il ruolo che hanno avuto durante le elezioni politiche prima ed europee poi. In un mondo in cui tutto cambia velocemente, tutto sembra ancora cambiare: maggiore trasparenza promessa da Facebook, grandi migrazioni dei più giovani verso Instagram sono solo la punta di un Iceberg che sarà bene studiare a fondo, specie in ottica aziendale.

Quanto spendono i tuoi concorrenti su Facebook?

Quanto spende Matteo Salvini per fare pubblicità su Facebook? Quali e quante campagne a pagamento sta facendo girare? Quanto spendono i suoi concorrenti? E il principale concorrente della tua azienda? E poi, ancora, chi c’è dietro alle pagine Facebook?

Il social giusto per la tua azienda

Facebook, Instagram, LinkedIn o magari un blog. E cosa dire di twitter? Ha ancora senso investire tempo (e denaro) lì sopra, oppure è meglio concentrarsi altrove? E se, invece, la soluzione giusta fosse una combinazione tra diverse piattaforme? E, ancora, se invece ti servissero tutte?

Facebook, psicopolizia e censura

Cosa c’è di vero nella “censura messa in atto da Facebook” nell’ultimo periodo? Siamo davvero sicuri che questa limitazione non sia in realtà un bene e che Umberto Eco non avesse ragione quando ci ha dipinti come una legione di imbecilli che prima parlava solo al bar e che oggi ha lo stesso diritto di parola di un premio Nobel?

La ricetta per scr(v)ivere felici

Hai capito bene, per ottenere un buon risultato devi porti dei limiti. Tanto nel mondo della scrittura creativa, quanto in quello della scrittura in genere, non puoi pensare di scrivere di tutto. Sempre. Senza sosta. Devi saper dire “Stop”. Lo dico per te e per la tua creatività.

Cosa penso dell’art.13 (e della direttiva sul copyright)

Sulla direttiva del copyright (e sul suo art. 13) si è scritto e detto un po’ di tutto: da chi vede pericoli per la libertà di Internet a chi la reputa positiva, tutti o quasi si sono schierati da una parte o dall’altra. Ora, non sono certo che servisse anche la mia opinione ma dato che alcuni studenti me l’hanno chiesta, proverò a sintetizzarla in questo post.