Aprire un blog: WordPress.com o WordPress.org?

Hai deciso di aprire un blog ma non sai come fare? Finalmente ti sei convinto, ma non sai da che parte inziare, dato che il web è pieno di indicazioni contrastanti? Ecco, in questo articolo voglio parlarti della mia esperienza, di come e perché ho deciso di aprire un blog wordpress self-hosted e non mi sono affidato alla piattaforma gratuita wordpress.com!

WordPress.com o WordPress.org?

Partiamo da qui. Probabilmente, se non hai mai aperto un blog non sei a conoscenza delle grandi differenza tra i due servizi proposti da wordpress Partiamo da qui: sono entrambi (inizialmente) gratuiti. Dico inizialmente perché la versione .com ti offrirà via via la possibilità di effettuare vari upgrade a pagamento, ma questo lo vediamo più avanti.

Ah, un’altra piccola precisazione: ci sono tanti altri modi per aprire un blog, tra cui la piattaforma blogger, ma ho deciso di saltare un passaggio e parlarti subito di wordpress: è il CMS che amo di più in assoluto ed è quello che ho utilizzato per creare vari blog.

WordPress.com

wordpress-com-logo-decodedreviewConfesso: il mio primo blog, ormai quasi 5 anni fa, l’ho aperto lì. Sì, hai presente quei siti che hanno una URL tipo: miosito.wordpress.com? Ecco la prima differenza con la versione self-hosted: quel maledetto .wordpress che potrai togliere solo acquistando il dominio e rinunciando ad avere un blog totalmente gratis.

Certo, se non sei convinto di quanto durerà il tuo blog ma lo vuoi aprire lo stesso, questa potrebbe essere una buona soluzione per testare le tue capacità, ma sappi che per far fare il salto di qualità al tuo blog dovrai necessariamente passare alla versione self-hosted. Più avanti nel post ti spiegherò il perché.

Ora fingiamo tu abbia deciso di collegarti al sito wordpress.com ed abbia aperto il tuo blog. Dopo un po’ il tuo blog comincia a girare, ma proprio non tolleri quelle pubblicità che wordpress fa apparire in fondo ai tuoi articoli e che rarissimamente propongono la vendita di enciclopedie online e decidi di toglierle: devi pagare.

Oppure mettiamo che tu voglia creare una landing page per vendere il tuo ebook, ottenere iscritti alla newsletter che hai creato con mailchimp, aggiungere delle personalizzazioni ed effettuare qualche intervento per migliorare il posizionamento del tuo sito: ecco, NON PUOI. WordPress.com avrà anche dei vantaggi, ma il più grande svantaggio è che non potrai installare nessun Plug-in, neanche pagando!

Già, bella fregatura! L’unica cosa che potrai fare è comprare un dominio ed uno spazio hosting e trasferire tutti i tuoi contenuti sulla versione self-hosted del tuo nuovo blog.

Non sei ancora convinto? Beh, a svantaggio di questa versione ci sono anche: lo spazio di archiviazione limitato, l’impossibilità di intervenire sul CSS dei temi (se non, in alcuni casi, pagando) e la ridotta possibilità di interagire con l’esterno.

WordPress.org

wordpress-logo-stacked-rgbOra facciamo sul serio: avrai capito che questo articolo su come aprire un blog ti mette davanti ad una NON-scelta.

Dopo 4 anni ho finalmente deciso di passare a wordpress.org, acquistando dominio e hosting su siteground ed ora ti posso dire che davvero non c’è paragone. Pochi minuti ed ero online con il mio nuovo blog e con tutte le sue potenzialità e ti assicuro che in termini di visibilità ne ho beneficiato davvero!

Se sei alle primissime armi, non hai mai scritto una riga di codice e non sai da dove iniziare per personalizzare il tuo blog, sappi che non ti devi preoccupare: c’è un plug-in (quasi) per tutto. Stai solo attento a non esagerare perché a risentirne sarà la velocità del tuo blog!

Come devo fare per aprire un blog wordpress self-hostef?

1) Scegli un nome per il tuo dominio ed assicurati che sia libero;

2)Poi ti servono un dominio ed uno spazio hosting. Io li ho acquistati su siteground seguendo il consiglio di Dario Vignali e mi sento di rigirarti lo stesso consiglio;

3) Vai sul cPanel di Sitegorund e avvia l’autoinstaller di wordpress;

4) Fatto! Il tuo blog esiste: ora vai nel pannello di amministrazione (tuosito.com/wp-admin) ed inserisci le credenziali che hai scelto in sede di registrazione per entrare nella bacheca del tuo nuovo blog su wordpress self-hosted;

5)Comincia a pubblicare i tuoi contenuti o importa i contenuti del tuo vecchio blog.

wordpress.com o wordpress.org: quanto costano?

Sì, è vero, ti avevo detto che wordpress è gratis.

Infatti è così: wordpress è gratis, quello che gira attorno a wordpress no: nella versione hosted, passare all’account premium ti costerebbe 99$ all’anno ed avresti comunque meno funzionalità rispetto alla versione self-hosted!!!

Per quanto riguarda, invece, la versione self-hosted, io ho deciso di affidarmi a Siteground, scegliendo inizialmente il piano Start-Up e pagando circa 50,00 euro per il primo anno, dato che Siteground ti fa risparmiare i soldi del dominio.

Insomma: hai ancora dei dubbi o stai già correndo ad acquistare il dominio e lo spazio hosting?

Aprire un blog: WordPress.com o WordPress.org? ultima modifica: 2015-09-10T17:33:01+00:00 da Erick Bazzani
Condivisioni