TripAdvisor: una risorsa utile per la tua struttura?

Ho un albergo, devo fare TripAdvisor a tutti i costi. Aspetta: parliamone!

Sai come funziona TripAdvisor? Sai che le recensioni positive possono portarti molto in alto, ma basta anche solo una recensione negativa a far storcere il naso agli utenti?

tripadvisor_logo_520x300x24_fill

A mio avviso, devi fare qualche considerazione preliminare per evitare un salto nel vuoto. Sì, certo, tripadvisor può essere davvero utile sia lato utente che lato azienda, specie se fai il tuo lavoro come si deve e se offri un prodotto/servizio perfetto, altrimenti…

#1 Attento alle debolezze

La prima cosa da fare, prima di decidere di entrare spontaneamente nel circuito TripAdvisor è farsi un bell’esame di coscienza: ci sono debolezze in quello che propongo? Sono consapevole dei limiti della mia proposta? Come mi vedono i clienti?

Tieni presente che se dovessi avere anche solo una debolezza sarà lì che si concentrerà l’attenzione (e le recensioni) dei tuoi clienti, quindi è bene che tu sappia prima come comportarti. Se sai di avere un punto debole, prima di sbarcare su Trip Advisor inserisci la gestione delle “note dolenti” all’interno del tuo piano di crisis management per farti trovare pronto. In questo modo, potrai colmare una lacuna, rispondere ad una recensione negativa e trarre un vantaggio da questa situazione…

…tutto questo senza farti prendere dall’ansia.

In alternativa, se non sei proprio sicuro dei tuoi mezzi (sii sincero quando fai l’analisi), può essere una buona idea lasciar perdere Trip Advisor almeno per un po’.

#2 Affidabilità delle recensioni

Signore e signori, il grande limite di TripAdvisor: tra recensioni di locali chiusi da tempo e di locali che non esistono, in questi ultimi mesi stanno venendo a galla tutti i problemi della piattaforma: correresti il rischio di farti rovinare la reputazione solo per gioco?

No, direi di no.

Se TripAdvisor fosse una piattaforma in cui le recensioni vengono fatte sempre in maniera ponderata ed onesta, non ci vedrei niente di male ma, così com’è, c’è anche la remota possibilità che la tua struttura venga presa di mira per chissà quale motivo ed ottenga recensioni negativa basate sul nulla…

#3 A che punto del percorso sei?

Hai appena aperto la struttura o sei il titolare di uno storico locale?

Ti sembrerà una domanda stupida, ma la risposta potrebbe essere proprio il contrario di quello che stai pensando: in tutta sincerità se hai un locale nuovo di zecca, fossi in te aspetterei..

#4 TripAdvisor: se vengo recensito senza avere il profilo?

In questo caso, perché può succedere, non parliamo più di un’azione ma di una reazione e, tanto per cambiare, tu devi essere pronto a reagire a quello che succederà!

Ovvio, se ti dovesse arrivare via posta il certificato di eccellenza TripAdvisor facci un pensierino, altrimenti comincia a pensare a come gestire le recensioni degli utenti…

Conclusione: TripAdvisor sì o no?

TripAdvisor nasce con un intento lodevole e se le recensioni fossero tutte libere ed oneste ti direi di aderire assolutamente. Non per vanità, sia chiaro, ma perché, oltre al fatto che saranno i tuoi clienti a farti pubblicità, attraverso le recensioni puoi capire come vieni percepito dalla tua clientela, quali sono i punti sui quali devi lavorare e quali le eccellenze da mettere in mostra.

Abbiamo sempre bisogno di feedback per migliorare!

Così com’è, invece, ti direi di valutare molto attentamente costi (d’immagine) e opportunità (di guadagno) di una scelta simile, magari chiedendo anche a persone di cui ti fidi cosa pensino realmente della tua struttura.

In alternativa, puoi sempre fare così:
vietato-trip-advisor

TripAdvisor: una risorsa utile per la tua struttura? ultima modifica: 2015-09-01T16:23:51+00:00 da Erick Bazzani
Condivisioni