Social media marketing: NO alle formule standard

Ti squilla il telefono. “Se vuoi ottenere risultati straordinari abbonati al nostro servizio a 100,00 euro al mese. È una formula garantita e centinaia di imprenditori l’hanno già fatto” oppure “scopri la formula che attraverso i social ha fatto guadagnare alle aziende 100.000 euro in una sola settimana!“.

Se hai un’attività, piccola o grande che sia, ti sarà sicuramente capitato qualcosa di simile.

Attenzione, in questo articolo non intendo screditare chi si promuove in questo modo (ognuno farà marketing come meglio crede), né dirti che è assolutamente impossibile che il tuo business possa tecnicamente beneficiare di un servizio del genere.

No, oggi voglio darti il mio punto di vista su:

1)Perché non dovrebbero esistere pacchetti standard

2)Perché non dovresti volere un pacchetto preconfezionato

Sei pronto? Iniziamo!

Social media marketing: copiare gli altri produce mostri

Voler a tutti costi assomigliare agli altri solo perché “ce l’hanno fatta” non ti porterà al successo. Mettitelo bene in testa. Punto.

Un esempio?

Parliamo della pagina Facebook di Ceres, dato che si tratta di un parecchio noto e visto che ne hanno parlato tutti (a proposito, in questo post ti dico come la vedo io). “Bravissimi” “simpaticissimi” e con un engagement altissimo: per quanto riguarda il coinvolgimento possiamo dire che Ceres ha davvero ottenuto ottimi risultati…

se solo non avesse creato dei mostri!

Già, perché sono stati molti quelli che hanno visto in Ceres e nella sua capacità di osare la soluzione al poco movimento delle loro pagine, scegliendo quindi di copiare più o meno paro-paro la linea comunicativa della birra.

Ora, senza numeri in mano che possano testimoniare un aumento delle vendite e pensando lato-utente, non credo proprio che sia stata una scelta azzeccata. Un po’ perché è un tipo di comunicazione che ha un po’ stufato, un po’ perché se non sei Ceres non puoi fare Ceres (ma di questo ne ho parlato nell’articolo linkato sopra.)

Ma c’è un altro motivo per cui una formula standard non solo non dovrebbe esistere, ma non deve neanche essere cercata, oltre al fatto che non ci sarebbe più bisogno di professionisti come me 🙂

Vuoi una formula che valga per tutti? Sei sicuro?

Facciamola semplice.

Hai una pizzeria, in una via dove ci sono 10 pizzerie, 9 più la tua. Tutte e dieci le pizzerie decidono di affrontare la sfida e promuoversi attraverso i social media e dato che esiste la formula del successo nessuna di queste se la fa scappare.

Risultato? Saranno stati spesi tanti soldi per trovarsi esattamente al punto di partenza: nessuna pizzeria avrà beneficiato dell’attività di social media marketing.

Facciamola difficile(più o meno).

Le 10 pizzerie sono arredate tutte allo stesso modo? Fanno tutte le stesse pizze? I camerieri sono gli stessi? E gli ingredienti? E i prezzi? Hanno aperto tutte nello stesso momento?

Direi proprio di NO!

Allora non vedo perché dovrebbero comunicare tutte nello stesso modo e parlare delle stesse cose senza mettere in evidente i loro punti forti, che variano da pizzeria a pizzeria.

Insomma, mettila come vuoi, ma cadere nella trappola di chi ti propone una formula standard, un pacchetto testato o simili potrebbe non portarti nessun beneficio e farti solo sprecare soldi.

I social media non sono una scienza esatta (per ora). Conclusione

Quali sono i fattori che rendono unica la tua realtà? Cos’hai da offrire che gli altri non hanno? In che settori operi? Come è strutturato il tuo target?

Concentrati su questo.

Su questo e sui limiti dell’azienda stessa, perché è meglio conoscerli prima di affrontare un’attività come il social media marketing.

Ecco quindi che non può esistere un piano che valga per tutti.

Non solo, standard è una parola che proprio non mi piace: ogni azienda è unica. Deve solo saper riconoscere il perché.

La soluzione?

Affidarsi a un professionista che conosca gli aspetti tecnici dei social e ti sappia aiutare a fare emergere le tue qualità.

Social media marketing: NO alle formule standard ultima modifica: 2016-07-07T15:40:48+00:00 da Erick Bazzani
Condivisioni